Mercato dell’auto in Italia: +1,6% ad aprile 2019

Dopo il segno meno di gennaio, febbraio e marzo, il mese scorso sono state registrate 175.049 immatricolazioni, 2.745 unità in più in più rispetto ad aprile 2018

229

Si interrompe ad aprile 2019 il calo delle immatricolazioni di auto nuove in Italia: dopo il segno meno di gennaio, febbraio e marzo, il mese scorso sono state registrate 175.049 immatricolazioni, 2.745 unità in più in più rispetto ad aprile 2018 (l’aumento è dell’1,6%). Su questo risultato “pesa” il giorno lavorativo in più rispetto ad aprile 2018 (20 contro 19). Assai meno determinante l’impatto dell’ecobonus, lo sconto (fino a 6.000 euro in caso di rottamazione) sul prezzo delle auto nuove in base alle emissioni di anidride carbonica: ad aprile 1.766 auto hanno goduto di questa agevolazione, 4 volte in più rispetto ad aprile 2018 ma decisamente poche in rapporto alle vendite totali del mese.

BOOM DELLA DACIA – Aprile 2019 è stato un mese positivo per la Fiat, che dopo un trimestre in rosso ha chiuso “pareggiando” le vendite di aprile 2018: il costruttore torinese, primo per auto vendute nel nostro Paese, ha immatricolato 30.120 vetture, 60 in meno rispetto a 12 mesi prima. Al secondo posto in questa classifica c’è la Volkswagen, con 15.246 immatricolazioni (il 5,57% in più), davanti alle Ford e Peugeot: la casa statunitense ha ceduto l’8,09%, fermandosi a 10.942 nuove auto targate, mentre quella francese si è fatta sotto guadagnando il 7,07% e raggiungendo le 10.231 immatricolazioni. Da segnalare il tonfo della Renault (-23,56%), in attesa della nuova Clio, che stride con l’ottimo +96,78% della Dacia (i due marchi fanno parte dello stesso gruppo).

INOSSIDABILE PANDA – L’auto più venduta rimane la Fiat Panda (nella foto), che non risente dell’età (è in vendita dal 2012) e ha guadagnato il 53,6% rispetto ad aprile 2018: il mese scorso ne sono state immatricolate 14.001 esemplari. Sul podio altre due auto della FCA: seconda la Lancia Ypsilon, anch’essa in forte aumento (+30,77%), davanti alla Fiat 500, che ha perso però il 6,38%. Quarta, e prima fra le straniere, la Dacia Duster, che lo scorso mese ha guadagnato il 225% rispetto ad aprile 2018. Il mese scorso sono diminuite del 18,47% le consegne di auto a gasolio, mentre sono cresciute del 32,96% quelle a benzina e ora sono quasi alla pari (83.000 contro 79.000 nuove targhe), dopo che le diesel sono state a lungo preferite dalla maggioranza degli italiani. Piccolo “boom” per le elettriche, anche se il +294,87% equivale a sole 920 auto in più.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here