Farmaci equivalenti, in Italia utilizzo molto più basso della media europea

183

“In Italia l’utilizzo del farmaco equivalente e’ ben al di sotto degli standard europei. Il dato nazionale e’ intorno al 30%, in Sicilia siamo al 20%, contro l’oltre 50% del dato medio Continentale”. Massimo Comberiati, Senior Director Business Unit Generics, Otc e Portofolio di Teva Italia, delinea cosi’ lo scenario riguardante i farmaci equivalenti in Italia e in Sicilia, al centro dei lavori di un convegno nella sede di Federfarma di Catania. Un quadro in evoluzione che coinvolge figure professionali diverse come medici e farmacisti, fondamentali per sviluppare un percorso di crescita che riguardi l’Italia e in particolare la Sicilia. “Abbiamo deciso di aprire un confronto con le istituzioni, la classe medica e i farmacisti in Sicilia – spiega Comberiati – perche’ siamo certi di poter aiutare il sistema sanitario regionale e nazionale ad essere piu’ sostenibile e nel contempo per divulgare la cultura sul farmaco equivalente, passaggio chiave per provare a raggiungere gli standard continentali, attestati ben oltre il 50%”.