Clima, fallisce la Cop25. Niente accordo sulle emissioni

267

Fumata nera per la Cop 25 di Madrid che, nonostante i tempi supplementari, si è chiusa senza un’intesa sull’articolo 6 dell’Accordo di Parigi sulla regolazione globale del mercato del carbonio, il nodo più difficile da sciogliere. Delusione, dunque, di molti Paesi alla Conferenza su questo punto dell’agenda dei lavori. Se ne dovrebbe riparlare a Bonn nel giugno 2020.

L’unico punto positivo l’obbligo per i Paesi ricchi di indicare di quanto aumenteranno gli impegni per tagliare i gas serra. Per il via libera al documento finale, si è riunita la plenaria dei 196 Paesi più l’Ue per il via libera al documento finale.

La Cop25 a Madrid è stata la più lunga fra tutte le edizioni con due giorni extra. Hanno vinto i Paesi vulnerabili (quelli che rischiano di sparire come le piccole isole del Pacifico) rispetto a quelli ricchi sul punto dell’Ambizione: cioè, entro l’anno prossimo questi ultimi dovranno indicare (sarà un obbligo e non un’opzione) di quanto aumenteranno gli impegni per tagliare i gas serra. Il 2020, quindi, si propstetta cruciale per salvare l’accordo di Parigi.

A parlare di fallimento sia Greta sia lo stesso segretario generale dell’Onu Antonio Guterres.  “Sembra che la Cop25 di Madrid stia fallendo. La scienza è chiara, ma la si sta ignorando. Qualunque cosa accada non ci arrenderemo mai. Abbiamo solo appena iniziato”, scrive su Twitter l’attivista Greta Thunberg.

Guterres si è setto “deluso” dai risultati della conferenza, affermando che “la comunità internazionale ha perso una opportunità importante per mostrare maggiore ambizione” nell’affrontare la crisi dei cambiamenti climatici. “Non dobbiamo arrenderci, e io non mi arrenderò”, ha concluso.