La knit-mania esplode anche in Italia: il lavoro a maglia diventa fonte di reddito

Sondaggio svolto dal brand Bettaknit: un trend cui hanno contribuito anche le diverse fasi di lockdown

164

La knit-mania, la passione per il lavoro a maglia, è sempre più popolare in Italia. Un trend cui hanno contribuito anche le diverse fasi di lockdown cui il nostro Paese è stato costretto negli ultimi 12 mesi. E c’è anche chi ha utilizzato il knitting come nuova forma di reddito. Lo rivela un sondaggio svolto tra i suoi clienti da Bettaknit, brand italiano che ha rivoluzionato la ‘maglieria fai da te’ con i suoi ricercati kit maglia e uncinetto, e i filati pregiati. Una survey nata da un campione di 3.000 clienti. Al quesito “Durante la pandemia e i vari lockdown, la tua passione per il knitting è aumentata?”, infatti, ben il 46% degli intervistati ha risposto positivamente. “Alcuni dei dati emersi, come la prevalenza del genere femminile tra i clienti, non ci hanno sorpreso. Così come quanto sono apprezzati i nostri video tutorial, vale a dire dal 60% del campione. Altri dati offrono, invece, spunti molto interessanti, a partire da quelli legati al lockdown e a i suoi effetti”, affermano Barbara e Elisabetta Fani, sorelle fondatrici del brand.

Altri due quesiti, infine, danno indicazioni di natura tecnica. Il 41% del campione si ritiene bravo nel lavoro a maglia ma con margini di miglioramento. Nella stessa categoria si segnala il 28% per chi sostiene di ‘cavarsela benino’ e il 14% per i principiati assoluti. Il 59% degli intervistati, infine, si dichiara appassionato anche di uncinetto (oltre all’utilizzo dei ferri). Nella categoria si registra un discreto 11% che si dedica al ricamo, anche se il 25% dichiara di non conoscere altre tecniche.