L’allarme: il Polo Sud si assottiglia a ritmi impressionanti

248

L’entroterra antartico si sta assottigliando a ritmi mai osservati prima: una ricerca coordinata dall’Università di Leeds getta nuova luce sull’evoluzione del manto glaciale che ricopre il subcontinente ghiacciato. Ritmi di scioglimento fino a 5 volte più veloci rispetto a quelli osservati solo 25 anni fa, con i luoghi più colpiti che hanno già perso fino a 100 metri di spessore. Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Geophysical Research Letters, ha messo a confronto dati satellitari collezionati tra il 1992 e il 2017: i ricercatori hanno distinto le variazioni dovute a fenomeni temporanei, come consistenti nevicate che aumentano lo spessore dei ghiacci, da quelli di lungo periodo, correlabili con il cambiamento climatico. Prendendo come base di riferimento i livelli di spessore registrati nel 1992, considerati all’epoca stabili, gli studiosi hanno rilevato che quasi 1/4 del continente Antartico (il 24%) risulta in via di assottigliamento nel 2017, con un ritmo di perdita di superficie ghiacciata fino a 5 volte superiore a quella di inizio anni ’90.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here