La Giornata mondiale della Terra: anche gli Usa in campo contro l’inquinamento

Il tema di quest'anno è "Restore Our Earth": Joe Biden promette il taglio delle emissioni del 52% entro il 2030

313

La Giornata della Terra: è ormai una corsa contro il tempo in tutto il mondo per tagliare la CO2 e tentare di arrestare la febbre del Pianeta. E’ questa la battaglia sollecitata dagli scienziati e che sembra aver ormai convinto politica e finanza sulla necessità di cambiare registro nello sfruttamento delle risorse naturali e nell’inquinamento, altrimenti le minacce della stessa Natura potrebbero portare disastri, in primis ai paesi particolarmente esposti alle conseguenze del riscaldamento globale. E infatti il tema di quest’anno è “Restore Our Earth”, “Ripariamo la nostra Terra”. La Giornata della Terra (Earth Day), l’evento mondiale che si tiene il 22 aprile per celebrare il nostro pianeta, per la sua 51/a edizione quest’anno si sdoppia.

Ai consueti eventi in tutto il mondo organizzati da associazioni nazionali e coordinati dalla ong statunitense earthday.org, oggi si affianca un summit virtuale sul clima di 40 capi di stato e di governo, indetto dal presidente degli Stati Uniti, Joe Biden. Fra gli invitati, i “grandi della Terra” fra cui ci sono i 17 Paesi responsabili dell’80% delle emissioni di gas serra. Il cambiamento climatico è ormai “leit motiv” di big di ogni settore che guardano al 2030 per abbassare il tasso di inquinamento e al 2050 per azzerarlo.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden raddoppierà l’obiettivo degli Usa sul clima con un taglio delle emissioni fra il 50 e il 52% entro il 2030. L’annuncio oggi in occasione del summit sul clima. Lo anticipa un responsabile americano. I gas serra – infatti – continuano a aumentare, e non si placa la tendenza al riscaldamento del Pianeta. Questi i principali risultati del rapporto di Copernicus climate change service (C3S) sullo stato del clima in Europa nel 2020. E’ stato “l’anno più caldo” mai registrato per l’Europa con “almeno 0,4 gradi sopra la media dei 5 anni più caldi (tutti nell’ultimo decennio)”; temperature bollenti in autunno, e soprattutto in inverno (3,4 gradi sopra la media). Da record i livelli delle precipitazioni. Nella Siberia artica il 2020 è stato l’anno più caldo di sempre. L’effetto Covid porta a “leggere riduzioni” delle emissioni causate dall’uomo.