Il M5S: il Reddito di Cittadinanza non si tocca

224

“Ne abbiamo fatte di cose in un anno di Governo! Abbiamo mantenuto le promesse e dato il via a una rivoluzione del mondo del lavoroche non ha precedenti in questo Paese. Ora la Lega di Salvini, spinta dai sondaggi positivi, dalla paura di tagliare 345 poltrone in parlamento, dal terrore della riforma della prescrizione che non lascera’ piu’ impuniti i politici corrotti, ha deciso che il Governo deve cadere, tradendo il Contratto di Governo e soprattutto la fiducia degli italiani. Si prendano la responsabilita’ di bloccare riforme che i cittadini aspettano da anni come il salario minimo, la riduzione del costo del lavoro (dunque stipendi piu’ alti), le norme sui riders, sull’acqua pubblica, il dimezzamento dei tempi dei processi e una legge #SalvaMare. Tra le altre. Ma attenzione, una cosa deve essere chiara: misure come il Reddito e la Pensione di Cittadinanza e Quota 100 non si toccano! Se e quando questo Governo vedra’ la fine, nessuno dovra’ penalizzare le oltre 900mila persone che hanno fatto domanda per ricevere un sostegno al reddito o i tanti che dopo una vita di sacrifici vogliono godersi l’agognata pensione”. Lo scrive il M5S sul Blog delle Stelle.