Giura il Conte-bis, martedì la fiducia in Senato

Oggi alle 10, il premier e i suoi 21 ministri arriveranno al Quirinale e, dopo la cerimonia ufficiale di giuramento, si riuniranno nel primo vero consiglio dei ministri

249

A meno di un mese da quel fatidico 7 agosto in cui tutto ha cominciato a crollare, la crisi di governo è risolta e una squadra nuova di zecca – o quasi – si appresta a giurare di fronte al Presidente della Repubblica, sotto la guida dello stesso Giuseppe Conte che si pensava inizialmente sarebbe stato la prima vittima.

Oggi alle 10, il premier e i suoi 21 ministri arriveranno al Quirinale e, dopo la cerimonia ufficiale di giuramento, si riuniranno nel primo vero consiglio dei ministri, con la comunicazione a Bruxelles del presidente dem: sarà Paolo Gentiloni il commissario italiano in Europa. Tra i 21 – un “numero record” secondo Matteo Salvini – 10 di provenienza pentastellata, 9 dal Pd e uno in rappresentanza di Liberi e Uguali. Tra tutti solo due i riconfermati nel proprio dicastero, Alfonso Bonafede alla Giustizia e Sergio Costa all’Ambiente. Una ghigliottina che neanche l’ex vicepremier Luigi Di Maio è riuscito a superare, dovendo invece cedere il Lavoro a Nunzia Catalfo e spostarsi agli Esteri.

Lunedì prossimo il premier Conte presenterà per esteso il suo programma “che guarda al futuro” alla Camera e inizierà il dibattito per la fiducia, che si concluderà il giorno successivo al Senato. Ottenuto il sì delle due Camere, il governo otterrà la pienezza dei poteri.