Francia, continua la protesta: si dimette l’Alto commissario di Macron

Jean-Paul Delevoye era stato nominato due anni fa per strutturare il progetto di riforma del sistema previdenziale

260

Oltre 620 chilometri di code e ingorghi ieri mattina poco dopo le 8,45 sulle strade dell’Ile-de-France, a causa della prosecuzione dello sciopero dei mezzi pubblici per chiedere il ritiro della riforma delle pensioni annunciata da Emmanuel Macron negli scorsi giorni.  Le code di ieri hanno eguagliato quelle dell’8 ottobre e restano seconde solo ai 739 chilometri alle 19,30 dell 6 febbraio 2018 quando la regione fu colpita da una forte nevicata.

Pensione minima garantita a 1.000 euro e “85% del salario minimo”, eta’ legale a 62 anni, con “un’eta’ di equilibrio” e “un sistema di bonus-malus”, “punti supplementari dal primo figlio” e aumenti per “genitori di famiglie numerose”: sono tra le principali misura del controverso progetto di riforma delle pensioni, presentato oggi dal premier francese, Edouard Philippe.

Ieri intanto Jean-Paul Delevoye, l’Alto commissario per le pensioni nominato due anni fa dal presidente francese Emmanul Macron per strutturare il progetto di riforma del sistema previdenziale, ha deciso di dimettersi