Ex Ilva, Boccia: “Lanceremo un piano per Taranto”

L'intervento del ministro degli Affari Regionali: "Si riuniranno stakeholders, associazioni, istituzioni locali e si metteranno in campo progetti concreti per costruire il futuro"

278

“Sono pugliese. A Taranto ho lavorato come commissario ai tempi del default. Quando i ministri e i premier arrivavano in città, si chiudevano in Prefettura. Il presidente Giuseppe Conte ha dato a tutti noi una lezione. E dimostrerà che su Taranto fa sul serio”. Lo dice in un’intervista al quotidiano La Repubblica il ministro degli Affari Regionali, Francesco Boccia, in merito all’ex Ilva.

“Nel prossimo consiglio dei ministri il premier presenterà all’ordine del giorno ‘il cantiere Taranto’. Un intervento sull’area con progetti che avranno una ricaduta economica, sociale e ambientale. Si riuniranno stakeholders, associazioni, istituzioni locali e si metteranno in campo progetti concreti per costruire il futuro di Taranto”, aggiunge Boccia, che alla domanda se ci saranno finanziamenti risponde: “E’ possibile. Ma è importante l’idea: Conte vuole davvero fare di Taranto un laboratorio”.

Il ministro alla domanda se il Governo stia pensando a un superamento dell’Ilva replica cosi’: “No. L’Ilva e l’acciaio sono un asset centrale del paese. Ma ci sono le regole che vanno rispettate. E’ bene che Arcelor Mittal lo capisca: in Italia gli impegni contrattuali si rispettano. E poi ci sono cose poche chiare. Questi signori lo scorso anno hanno fatto un’offerta e preso degli impegni. La congiuntura era prevedibile, cosi’ come i dazi. Se c’erano esuberi me li sarei aspettati in altre parti di Europa o in India; non a Taranto, nel nuovo investimento”.