Conte a Bruxelles: Italia oggi centrale. Migranti, penalità a chi non accoglie

230

Patto di stabilità, migranti e investimenti per il Mezzogiorno. Questi i temi che Giuseppe Conte porta sul tavolo di Bruxelles dove l’Italia, con il nuovo governo, arriva «più forte», scrive il premier in un lungo post facebook prima di incontrare la presidente della Commissione Ursula Von Der Leyen e gli altri vertici Ue. Centrale la riforma del trattato di Dublino, sui cui la Francia ha espresso appoggio all’Italia per superare l’obbligo per il Paese di primo sbarco di esaminare le eventuali domande d’asilo.

Tra Conte e Von der Leyen c’è stato un buon scambio sulla nuova situazione politica in Italia, su migrazione e economia, spiegano dall’entourage di Ursula von der Leyen, che spiega che si è trattato di un incontro senza risultati concreti, come del resto era previsto. Clima disteso anche nel vertice con il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, che su Twitter ha scritto: «Bello vedere di nuovo il mio buon amico, il premier Giuseppe Conte. Abbiamo discusso delle priorità dell’Italia in vista del prossimo Consiglio europeo di ottobre». Col messaggio anche una foto che ritrae i due, all’arrivo di Conte al Justus Lipsius, sorridenti, mentre parlano gesticolando, in buona sintonia.