Confindustria al Governo: “Avviare le grandi opere, è priorità del paese”

Il presidente Boccia a Repubblica: "Chiediamo un'operazione anticiclica infrastrutturale che vale oltre 60 miliardi di risorse, tutte già stanziate"

189

“Chiediamo un’operazione anticiclica infrastrutturale che vale oltre 60 miliardi di risorse, tutte già stanziate. Serve avviare le opere, creare occupazione, collegare territori, includere persone. E’ la grande priorita’ del Paese da affrontare con un cronoprogramma chiaro e snellendo le procedure. Basta con i tempi biblici per aprire i cantieri”. Cosi’, in un’intervista a la Repubblica, il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia. Secondo il leader degli industriali “dovremmo recuperare quello che ormai e’ oggetto di distrazione della politica: il lavoro. Tornare ai fondamentali del Paese. Italia Repubblica fondata sul lavoro, fattore di coesione. Prima ancora che da una visione di politica economica che metta al centro l’industria, occorrerebbe capire in anticipo quali saranno gli effetti sulla societa’ e sull’economia reale delle decisioni che si prendono”.

Infine, sulla manovra dice: “Siamo critici su un impianto che va ad incidere sui fattori di produzione — plastic tax, sugar tax, auto aziendali — , ma apprezziamo il metodo di confronto di Gualtieri e Patuanelli. Confidiamo in un passo indietro su questi provvedimenti per costruire un percorso di transizione che faccia dell’Italia una punta avanzata”.