Altro strappo nel Governo, la ministra del Sud contro la Lega di Salvini

295

“Non ho alcun interesse a ragionare se la Lega sia ancora Lega Nord o meno: a me interessa che siano rispettati i diritti dei cittadini del Sud e di tutte le altre regioni d’Italia”. Lo ha detto il ministro per il Sud Barbara Lezzi in una intervista pubblicata oggi sul Messaggero. Alla domanda se di fatto su Autonomia le distanze diventano di nuovo incolmabili tra il M5S e la Lega, il ministro ha spiegato: “se vogliono dividere l’Italia, reintrodurre le gabbie salariali, superate ormai da 50 anni, certamente. Questo tipo di Autonomia la voteranno, forse, solo i parlamentari di Emilia Romagna, Veneto e Lombardia. Non certo gli altri rappresentati del territorio, voglio sperare”. Sulla richiesta di regionalizzare l’istruzione: “se e’ come la intende la Lega non si supera. Pensare di introdurre stipendi piu’ alti per gli insegnati e maggiore offerta formativa solo per un pezzo d’Italia non puo’ andar bene. E noi come M5S non l’accetteremo mai”. “Che l’autonomia sia un diritto lo riconosciamo e lo abbiamo detto in tutte le salse. Anche qui: quando si rivendica il contratto di governo e’ giusto, ma non bisogna dimenticare un altro punto di quell’intesa. Di Maio e Salvini sottoscrissero che volevano ridurre il divario Nord-Sud. Noi come M5S stiamo facendo proprio questo, noi”.