Altri guai per Salvini, denunciato dal Codacons per pubblicità occulta

240

Il Codacons ha deciso di presentare una denuncia per pubblicità occulta contro Matteo Salvini. L’ex ministro degli Interni, infatti, ha ripetutamente condiviso immagini raffiguranti noti marchi di bibite, alcolici e in genere alimentari – senza alcun riguardo per la visibilità delle stesse e per l’ampiezza del pubblico raggiunto – senza coprire loghi e simboli dei brand in questione. Qualche giorno fa, il presidente del Consiglio incaricato, Giuseppe Conte, aveva ricevuto lo stesso trattamento dal Codacons. L’Associazione, che anni fa – a dimostrazione dell’assoluta terzietà delle sue iniziative – fece lo stesso con Matteo Renzi (che nel corso delle sue consuete dirette, metteva in mostra a tutto schermo la marca del PC utilizzato per rispondere ai suoi sostenitori), ribadisce che le personalità istituzionali devono astenersi in tutti i modi da comportamenti che potrebbero anche solo lontanamente influenzare le scelte di acquisto degli utenti e dei cittadini: una buona prassi purtroppo assente nel nostro Paese, dove ogni giorno vengono taciute e sconfessate le norme in materia. Le normative vigenti, infatti, vietano in modo di imporre ai telespettatori messaggi pubblicitari non espliciti e occulti e, pertanto, la diffusione dei marchi da parte di Salvini configura una violazione delle disposizioni in materia e un danno per gli utenti, realizzando una forma di pubblicità occulta sulla quale l’Antitrust sarà chiamata a pronunciarsi.