Vincent Lambert è morto, per anni al centro della battaglia per l’eutanasia

257

E’ morto in Francia Vincent Lambert, il paziente tetraplegico, al centro di una lunga battaglia legale in Francia e diventato il simbolo del dibattito sull’eutanasia nell’Hexagone. Il decesso e’ stato reso noto dalla famiglia. Dopo che martedi’ scorso era stata disposta la sospensione dell’alimentazione e dell’idratazione del 43enne, nelle ultime ore anche i genitori si erano arresti definendo ineluttabile la morte del figlio. Mercoledi’ sera, oltre 300 persone si erano radunate davanti alla chiesa di Saint-Sulpice a Parigi per una veglia di preghiera dedicata al tetraplegico, in stato vegetativo da quasi 11 anni. Il caso di Vincent Lambert e’ stato anche la storia di uno sconvolgimento familiare. La moglie dell’uomo, Rachel Lambert, cosi’ come sei dei suoi fratelli e sorelle nonche’ il nipote Francois, hanno protestato per anni contro quella che definivano una “inesorabilita’ terapeutica” chiedendo che gli venisse concesso il diritto di morire. Gli anziani genitori, ferventi cattolici, volevano invece che non fossero staccate le macchine che lo tenevano in vita.