Terribile a Hong Kong: uomo dato alle fiamme, manifestante ferito dagli spari della polizia

176

Un uomo è stato dato alle fiamme a Hong Kong in una giornata di scontri violenti tra manifestanti pro-democrazia e polizia. Ora è in condizioni critiche per le ustioni di secondo grado sul 28% del corpo tra braccia e torace. L’episodio, ancora da ricostruire, è stato riportato dalla Rthk come avvenuto nel primo pomeriggio a Ma On Shan. L’uomo, di mezza età, si è confrontato con un gruppo di giovani attivisti accusandoli di essere “britannici” e non cinesi. Una persona gli avrebbe versato poi del liquido infiammabile appiccando poi le fiamme. Dare fuoco a una “persona è un atto totalmente inumano e imperdonabile”. Così la governatrice di Hong Kong Carrie Lam, in merito al caso dell’uomo vittima di un di un diverbio con gli attivisti pro-democrazia, che lo hanno prima cosparso di liquido infiammabile appiccando poi le fiamme. La Lam, sollecitando “quanto prima il ritorno della calma”, ha citato le due persone in “condizioni critiche”: il ragazzo colpito da un proiettile sparato da un agente (“incidente in una azione di rispetto della legge”) e dell’uomo dato alle fiamme.

In precedenza almeno due giovani sarebbero stati colpiti da colpi di pistola sparati dagli agenti a Sai Wan Ho. Il più grave è un 21enne: il ragazzo, raggiunto al petto da un colpo di pistola, è stato prima soccorso e portato via che era ancora cosciente e poi operato d’urgenza. Attualmente, è in terapia intensiva dove è sotto stretta osservazione, riferiscono i media locali. La polizia di Hong Kong ha lanciato cinque raffiche di lacrimogeni a Pedder Street, nel cuore della città con molti uffici, tentando di disperdere i manifestanti che da questa mattina stanno in piccoli gruppi cercando di bloccare i mezzi trasporto creando barricate sulle principali vie in diversi distretti. La rabbia, dopo un weekend con oltre 100 arresti, è aumentata dopo i ripetuti colpiti di pistola sparati dagli agenti che, secondo i media locali, avrebbero causato almeno due feriti di cui uno in grave.