Sisma in California, tremano Las Vegas e Los Angeles

206

enticinque anni dopo il sisma che fece 57 morti, nel sud della California torna la paura per un terremoto di magnitudo 6,4 avvertito anche da 15 milioni di persone da Las Vegas e Los Angeles, dove diversi edifici hanno oscillato in quella che doveva essere una mattina di festa per l’Independence Day. Il sisma e’ stato registrato alle 10.33 a una profondita’ di 8,7 chilometri con epicentro nell’area di Ridgecrest, 250 chilometri a nord di Los Angeles. Alla scossa piu’ importante ne sono seguite altre quattro significative, di magnitudo 4,7, 3,5, 3,8 e 4,2, ma finora non si e’ avuta notizia di morti o feriti gravi. I vigili del fuoco sono dovuti intervenire per domare diversi incendi nella Searles Valley, tra cui Ridgecrest, nella contea di Kern e nella confinante contea di San Bernardino. Danni significativi sono stati segnalati nella base della Marina di China Lake in cui vengono testati missili e nella stessa Ridgecrest, una cittadina di 29mila abitanti in un’area della Sierra Nevada che si trova nella California Shear Zone gia’ teatro di sciami sismici in passato (ben 2.500 in cinque settimane nell’estate del 1995). D’inverno e’ meta di appassionati della neve che vanno a sciare sulle montagne di Mammoth Lakes. A Ridgecrest per precauzione una ventina di pazienti dell’ospedale locale sono stati trasferiti. Proprio il fatto che il sisma abbia colpito un’area poco popolosa e in un giorno in cui gli uffici pubblici e privati erano chiusi ha limitato le conseguenze del terremoto a piccoli incendi, a qualche frana e ad alcuni malori. Nessun danno e’ stato riportato dall’aeroporto di Los Angeles: “Tutto funziona normalmente”, ha fatto sapere con un tweet. La situazione, ha twittato il presidente americano, Donald Trump, “sembra sotto controllo”, ma secondo Lucy Jones, sismologa dell’Istituto geologico della California, esiste una probabilita’ alta che le scosse abbiano altre repliche di magnitudo significativa. Il sisma e’ stato il piu’ forte che abbia colpito lo Stato americano da quello di magnitudo 6,7 del 17 gennaio 1994 nella San Ferdinando Valley che causo’ 57 morti. Anche in quel caso era un giorno di festa nazionale (Martin Luther King Jr. Day) ma l’epicentro era in un sobborgo popoloso di Los Angeles e solo il fatto che sia avvenuto alle 4 e 31 del mattino evito’ un bilancio di vittime ancora piu’ pesante. A causa dei crolli di edifici, parcheggi e pezzi di strade sopraelevate, i danni furono stimati in 20 miliardi di dollari, il conto piu’ salato di tutti i tempi per un terremoto negli Usa. Il sud della California registra 10.000 terremoti all’anno. The L’ultimo avvertito in un’area cosi’ ampia era stato quello di magnitudo 7,2 della Pasqua 2010 con epicentro lungo la frontiera con la Bassa California.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here