Pianificava strage di Natale a Vienna: arrestato un ventenne con esplosivo

248

È allerta a Vienna per il rischio di un possibile attentato nei giorni di Natale. L’allarme è scattato dopo il fermo avvenuto venerdì sera, nel distretto multiculturale della Favoriten, di un presunto terrorista che avrebbe pianificato di condurre un attentato con mezzi esplosivi nella capitale austriaca a Capodanno. Il fermo è stato eseguito dalle forze speciali di polizia “cobra”. Il sospettato sarebbe un immigrato di 18 anni di origine balcanica residente e domiciliato in Austria, non avrebbe opposto resistenza al momento dell’arresto. L’operazione, secondo quanto riferiscono fonti di intelligence, è nata da indicazioni nell’ambito della collaborazione internazionale. Sono in corso accertamenti relativi alla radicalizzazione del giovane, sospettato di essere vicino a un gruppo islamico di origini albanesi e simpatizzante Is.

Il quotidiano Kronen Zeitung riferisce inoltre di due ceceni di 25 e 31 anni arrestati giovedì. L’avvocato Wolfgang Blaschitz, il difensore di uno dei due uomini, ha riferito ai media austriaci che il suo cliente è stato accusato «di aver pianificato un attacco con esplosivi o altro nel periodo tra Natale e Capodanno». Il suo assistito però nega ogni accusa. La polizia, invitando alla calma, ha avvertito la popolazione di usare cautela nei luoghi di assembramento e di fare attenzione a pacchi o borse abbandonati.