Forte sciame sismico nelle Filippine, morti e decine di feriti

185

Almeno otto persone sono morte e altre 60 sono rimaste ferite in una serie di forti terremoti che questa mattina hanno colpito un gruppo di isole nello Stretto di Luzon, nelle Filippine settentrionali. Lo ha confermato l’Istituto filippino di vulcanologia e sismologia (Phivolcs). Il primo sisma, di magnitudo 5,4, ha colpito l’isola di Itbayat nella provincia di Batanes, situata a nord della capitale Manila, alle 4.16 del mattino; una seconda scossa e’ stata registrata tre ore dopo a nord-est di Itbayat con una magnitudo di 5,9, ed una terza due ore dopo ha scosso la vicina citta’ di Basco con un terremoto di magnitudo 5,8. Secondo quanto riferito ai media locali dal responsabile regionale della Protezione civile, Roldan Esdicul, il primo sisma ha causato 5 vittime, che sono rimaste sepolte sotto case crollate, mentre altre 3 persone sono morte per la caduta di detriti nelle scosse successive. I terremoti hanno danneggiato molte case e strutture, fra cui una chiesa centenaria, costruiti per lo piu’ in cemento e pietra per resistere ai forti tifoni che attraversano la provincia. La maggior parte della popolazione delle zone colpite, di circa 3000 abitanti, e’ stata fatta evacuare come misura di sicurezza