Brexit, Cameron chiede scusa: “Ho fallito”

199

David Cameron chiede scusa al Paese e si dice “profondamente dispiaciuto” per le divisioni provocate dalla Brexit, e pure difendendo la sua decisione di tenere il referendum, ammette “ho fallito”: l’ex premier britannico confessa nel corso di un’intervista pubblicata oggi dal Times – di cui ieri era stata data un’anticipazione – che le conseguenze di quel voto sono nei suoi pensieri “ogni singolo giorno” e di essere “disperatamente” preoccupato su cio’ che accadra’ in futuro. Cameron, che dimise dall’incarico la mattina successiva al referendum del 23 giugno 2016, ha parlato al Times per promuovere il suo libro di memorie, di prossima pubblicazione.