Tim, previste 500 nuove assunzioni entro il 2020

Grazie al contratto di espansione messo a disposizione dal Governo italiano ed all'intesa con i sindacati di categoria

190

E’ stato siglato un accordo tra Tim e le organizzazioni sindacali che porterà centinaia di assunzioni entro il 2020. Grazie al cosiddetto contratto di espansione messo a disposizione dal Governo italiano, la nota azienda di telecomunicazioni assumerà nuovo personale nei prossimi mesi. Sono ben 500 le risorse che saranno inserite. Come riportato, attraverso un recente articolo, dal quotidiano Il Sole 24 Ore, il Gruppo ha raggiunto una intesa con i sindacati di categoria, ovvero Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil per reclutare 500 unità di personale da assumere. Il piano assunzioni TIM è stato concordato in applicazione del contratto di espansione, un nuovo strumento introdotto dal c.d. decreto crescita (decreto-legge n.34/2019, convertito con modifiche dalla legge 28 giugno 2019, n. 58) messo a disposizione delle aziende in ristrutturazione, che contano oltre mille dipendenti, anche per permettere loro di assumere nuovo personale.

Se sarà approvato il programma assunzionale, che è in attesa del vaglio delle assemblee dei lavoratori e di successiva ratifica ministeriale, sarà portato a termine entro il 2020. Il nuovo accordo, infatti, subentra al contratto di solidarietà difensiva scaduto lo scorso maggio, finalizzato alla gestione degli esuberi di personale. Quest’ultimo prevedeva una riduzione dell’orario di lavoro pari a circa due giorni al mese per 30mila lavoratori Tim. Il nuovo patto, invece, riduce l’orario di un giorno e mezzo per i dipendenti già coinvolti dal precedente contratto, e di mezza giornata per gli altri collaboratori.

Per i posti di lavoro Tim da coprire si punterà molto sull’occupazione giovanile, anche se non è da escludere che ci saranno possibilità di inserimento anche per professionisti esperti e figure senior. Grazie al contratto di espansione, che punta molto sulla formazione e sulla riconversione del personale, per far evolvere e sviluppare le imprese, i nuovi assunti potranno beneficiare anche di percorsi formativi. E’ facile immaginare che la formazione coinvolgerà soprattutto i giovani inseriti in azienda, per consentire a quest’ultima di acquisire nuove figure e professionalità.