Sos dall’industriale del tabacco nel Sud: senza intesa a rischio 14mila posti di lavoro

259

I produttori di tabacco campani, lanciano un appello al ministro dell’agricoltura Teresa Bellanova: «Le dichiarazioni, emerse nei giorni scorsi sulla stampa, da parte del vice presidente di Bat Italia Alessandro Bertolini indicano chiaramente l’intenzione di non rinnovare l’accordo triennale sull’acquisto del tabacco italiano tra il Mipaaf e uno dei principali player dell’industria del tabacco. Il rischio concreto è di mandare gambe all’aria l’intera filiera tabacchicola campana, che conta circa 1300 aziende agricole, circa 3500 ettari di terreno coltivato, 18 milioni di kg di prodotto per tutte le varietà e 14.000 addetti tra produttori e trasformatori.

Un pezzo rilevante di economia locale, per un volume d’affari complessivo di circa 50 milioni, ai quali bisogna aggiungere l’indotto e la trasformazione, raggiungendo importi ancora più consistenti. Il ministro è perfettamente consapevole del ruolo che ricopre la filiera tabacchicola all’interno dell’agricoltura italiana. Da lei, quindi, ci aspettiamo un intervento diretto e immediato, al fine di individuare una soluzione equilibrata e sostenibile che possa garantire agli agricoltori veneti la possibilità di sopravvivenza».