Scuola, nuovi bandi nel prossimo triennio: previste circa 50mila assunzioni

Le selezioni pubbliche saranno rivolte a candidati abilitati e non abilitati, precari con 3 anni di insegnamento e laureati

295

Il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca aprirà nuovi bandi di concorso per Insegnanti, che porteranno circa 50mila assunzioni nelle scuole secondarie di primo e secondo grado. Le selezioni pubbliche saranno rivolte a candidati abilitati e non abilitati, precari con 3 anni di insegnamento e laureati.

E’ stato pubblicato, infatti, sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n.255 del 30-10-2019, il Decreto Legge 29 ottobre 2019, n. 126 recante ‘Misure di straordinaria necessità ed urgenza in materia di reclutamento del personale scolastico e degli enti di ricerca e di abilitazione dei docenti‘. Il provvedimento, entrato in vigore il 31 ottobre, è in attesa del vaglio del Parlamento e di eventuali modifiche per essere convertito in legge.

Il documento fa seguito all’accordo siglato, ad ottobre scorso, dal Ministro dell’Istruzione, dell’università e della ricerca, Lorenzo Fioramonti, con le organizzazioni sindacali per la stabilizzazione di 24mila Insegnanti precari e ha annunciato che il Miur ha in programma di inserire circa 50mila nuove risorse in totale nel personale docente.

L’intesa è stata sottoscritta il 1° ottobre dal Ministro Fioramonti e dai segretari generali dei sindacati rappresentativi per il comparto Istruzione e ricerca, FLC CGL, CISL FSUR, Fed. UIL Scuola RUA, SNALS CONFSAL e Fed GILDA UNAMS. Prevede nuove misure per il reclutamento dei Docenti, che dovrebbero essere immessi in ruolo già a partire dal 1° settembre 2020, e nuovi concorsi Miur per le assunzioni nella Scuola.