Ministero della Giustizia, bando di concorso per 2329 posti di lavoro

Per il reclutamento di funzionari da assumere a tempo indeterminato: c'è tempo fino al 9 settembre per inoltrare la domanda

280

Il Ministero della Giustizia ha indetto un concorso pubblico per la copertura di ben 2329 posti di lavoro. Il bando è finalizzato al reclutamento di Funzionari da assumere a tempo indeterminato. La procedura concorsuale è organizzata dalla Commissione per l’attuazione del progetto di Riqualificazione delle pubbliche amministrazioni (RIPAM).

La Commissione RIPAM ha pubblicato, infatti, sulla Gazzetta Ufficiale 4 Serie Speciale Concorsi ed esami n. 59 del 26 luglio 2019, il bando per reclutare personale amministrativo non dirigenziale da inquadrare nei ruoli del Ministero della Giustizia, con contratto a tempo indeterminato.

Il concorso prevede 2329 assunzioni negli uffici giudiziari su tutto il territorio nazionale, ad eccezione della Valle d’Aosta. I vincitori saranno inquadrati nel ruolo diFunzionario, area funzionale terza, fascia retributiva F1.

Le assunzioni Ministero Giustizia saranno effettuate ai sensi di quanto previsto dall’articolo 1, comma 307, lettera a), della legge 30 dicembre 2018, n. 145 (Legge Bilancio 2019), che autorizza il Ministero a reclutare, nel triennio 2019-2021, nuovo personale da inserire a tempo indeterminato, al fine di potenziare il funzionamento degli uffici giudiziari e di far fronte alle esigenze di funzionamento degli istituti penali per i minorenni. Il decreto 18 aprile 2019 del Ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n.136 del 12-06-2019, ha disciplinato le modalità di reclutamento del nuovo personale.

Il piano assunzioni ministeriale prevede anche la copertura di 903 posti di lavoro per Assistenti Giudiziari, area funzionale seconda, fascia retributiva F2, mediante scorrimento dalla graduatoria derivata dal concorso per Assistente Giudiziario conclusosi nel 2016, pubblicata nella GU del 22 novembre 2016 – 4 Serie Speciale n. 92. Il programma assunzionale era stato già annunciato dal Ministro per la Pubblica Amministrazione, Giulia Bongiorno, in relazione allo sblocco totale del turnover per il personale della Pubblica Amministrazione e al piano di inserimenti nelle PA per il prossimo quinquennio.

E’ prevista una riserva del 30% dei posti per i volontari in ferma breve e ferma prefissata delle Forze armate congedati senza demerito ovvero durante il periodo di rafferma, i volontari in servizio permanente, gli ufficiali di complemento in ferma biennale e gli ufficiali in ferma prefissata che hanno completato senza demerito la ferma contratta.

Il concorso RIPAM per le assunzioni di Funzionari presso il Ministero Giustizia prevede una valutazione dei titoli e l’espletamento di diverse prove d’esame. Nello specifico sono previste una prova preselettiva, un esame scritto ed un colloquio. Questi ultimi due verteranno su argomenti diversificati in base ai singoli profili professionali messi a bando.

Le domande per partecipare al concorso per Funzionari Giudiziari devono essere presentate esclusivamente in via telematica, attraverso l’apposita procedura raggiungibile dalla pagina web Ministero Giustizia “Concorsi”, entro quarantacinque giorni decorrenti da quello di pubblicazione del bando RIPAM nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica – IV° Serie Speciale “Concorsi ed Esami” (ossia entro il 9 settembre 2019), secondo le modalità indicate nell’avviso pubblico e nella GUIDA (Pdf 921Kb) per la compilazione del modulo telematico.