Lavoro: ondata di licenziamenti in McDonald’s, sindacato in rivolta

197

“I lavoratori del pulimento, impiegati nelle ditte in appalto presso i ristoranti McDonald’s di Roma, colpevoli di essersi ribellati a datori di Lavoro che non pagano gli stipendi da dicembre, ora vengono licenziati dalle nuove ditte che hanno rilevato il servizio”. Lo denuncia in una nota l’Unione sindacale di base. “E’ quanto sta succedendo nei ristoranti di via Giolitti e della stazione Termini, ma anche a viale Regina Margherita e alla Romanina. Mentre le ditte precedenti, il consorzio Angel service e la cooperativa L’Aquila 2011, sono ora all’attenzione dell’Ispettorato del Lavoro, per aver contrattualizzato a poche ore lavoratori che per anni hanno garantito almeno 8 ore giornaliere dalla mezzanotte alle 8 di mattina per 6 giorni su 7 a settimana, tutto l’anno senza ferie ne’ festivita’, ora le nuove ditte subentrate nell’appalto, Mast e Fd service, stanno procedendo alla sostituzione del personale. L’obiettivo e’ evidente: proseguire con lo stesso sistema dopo essersi liberati del personale recalcitrante. A presiedere a questo sistema c’e’ direttamente il management di Mc Donald’s Italia, interessato a tenere basso il costo del Lavoro attraverso l’utilizzo spregiudicato del Lavoro grigio, in cui i contratti servono a coprire solo una parte dell’orario e a dare una parvenza di legalita’ ad un sistema di sfruttamento”, conclude l’Usb.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here