Lavoro, investimento complessivo di 37 milioni per Garanzia Giovani

211

Riparte, con un investimento complessivo di 37 milioni di euro, “Garanzia Giovani’, il programma europeo dedicato ai giovani tra i 15 e i 29 anni che non studiano e non lavorano che potranno accedere ai servizi di politica attiva erogati da Centri per l’impiego e Agenzie per il Lavoro accreditate con la Regione Piemonte. Le attivita’ previste sono orientamento specialistico (colloqui individuali e laboratori di gruppo), servizi di identificazione e validazione delle competenze, accompagnamento al Lavoro e tirocini extracurricolari della durata di 6 mesi a tempo pieno. “Il fenomeno dei ‘Neet’, ovvero i giovani che non studiano e non lavorano, non e’ da sottovalutare ma, al contrario, da comprendere a fondo e da affrontare con misure efficaci e produttive, ma anche con un’importante azione ‘culturale’ – spiega l’assessore regionale al Lavoro, Elena Chiorino – Secondo i dati Istat aggiornati al 2016 in Piemonte i ‘Neet’ in eta’ compresa fra i 15 e i 34 anni erano 185mila, poco meno di un quinto di tutti i giovani in quella fascia d’eta’: la percentuale piu’ alta fra le regioni del centro Nord: non possiamo accettarlo”. “Occorre evitare – prosegue Chiorino – qualsiasi misura di stampo assistenzialista e puntare sulle politiche attive, proprio come ‘Garanzia Giovani Piemonte’, rafforzando e rendendo ancora piu’ efficace, come stiamo facendo, l’orientamento scolastico, la formazione e l’apprendistato, in modo da poter offrire a questi ragazzi la possibilita’ di inserirsi virtuosamente nel sistema produttivo”. Per aderire alle attivita’ proposte, il primo passo e’ l’iscrizione al portale nazionale Garanzia Giovani, poi si deve completare la registrazione su un portale regionale dedicato e prendere appuntamento con il centro per l’impiego. La precedente edizione di Garanzia Giovani – spiega l’assessorato al Lavoro – ha permesso la presa in carico di 88.317 giovani, l’85% dei quali ha avuto almeno un avviamento in impresa, nel 68% con un contratto di almeno tre mesi.