Lavorare più di 55 ore a settimana aumenta il rischio di ictus

L'allarme dell'Organizzazione mondiale della Sanità e dell'Organizzazione internazionale del Lavoro

166

Lavorare 55 ore o oltre a settimana aumenta il rischio ictus del 35% e di morte del 17% rispetto alle 35-40 ore di lavoro a settimana. A suonare il campanello d’allarme è l’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) e l’Organizzazione internazionale del Lavoro (Ilo) in una ricerca pubblicata oggi. Nel 2016, rilevano le due organizzazioni, 398 mila persone sono morte per ictus e 347 mila per una malattia cardiaca dopo aver lavorato almeno 55 ore a settimana. Tra il 2000 e il 2016 il numero di decessi per malattie cardiache legate a orari di lavoro prolungati è aumentato del 42%, un numero che si attesta al 19% per gli ictus.

Maggiormente colpiti sono stati gli uomini (il 72% dei decessi riguarda gli uomini), le persone che vivono nella regione del Pacifico occidentale e nel sud-est asiatico e i lavoratori di mezza età o più anziani. La maggior parte dei decessi registrati riguardavano persona di un’età compresa tra i 60 e i 79 anni che avevano lavorato almeno 55 ore a settimana quando avevano tra i 45 e i 74 anni. Il numero di persone che lavorano con orari di lavoro prolungati, sottolineano l’Oms e Ilo, è in aumento e rappresenta attualmente il 9% del totale della popolazione mondiale: questo trend espone ancora più persone a un rischio di handicap o di decesso prematuro legato al lavoro.

Questa analisi, sottolinea le due organizzazioni internazionali, arriva mentre la pandemia del Covid-19 ha messo in evidenzia la gestione del tempo di lavoro e ha accelerato le evoluzioni suscettibili di creare un aumento dell’orario di lavoro.

(adnkronos.com)