Jabil, nessun ritiro della procedura di licenziamento

325

Nessun ritiro della procedura di licenziamento ma un’accelerazione sul fronte della ricollocazione dei lavoratori in esubero. E’ quanto emerso dall’incontro nella sede di Confindustria Caserta tra i vertici di Jabil Circuit Italia, multinazionale dell’elettronica con stabilimento a Marcianise, e i sindacati. Un gruppo di lavoratori della Jabil ha effettuato un presidio all’esterno della sede di Confindustria. La Jabil ha da tempo annunciato di voler licenziare 350 addetti su 700 del sito casertano, e oggi ha ribadito che andra’ avanti su questa strada, presentando un’ulteriore azienda interessata ad assumere una parte degli addetti Jabil in esubero; si tratta del gruppo sardo Orefice, che produce gruppi elettrogeni e vorrebbe aprire uno stabilimento a Marcianise con l’assunzione di 60 addetti. Tra le aziende interessate alla ricollocazione c’e’ anche la Softlab, societa’ di informatica con sede a Caserta che in passato ha gia’ assunto 52 lavoratori fuoriusciti dalla Jabil, e’ che oggi sarebbe disposta ad assumerne altri trenta.

I sindacati chiedono anche maggiore impegno sul fronte dell’esodo incentivato, ma la Jabil non sembra intenzionata a cedere troppo sul punto. Altro tema di cui si e’ discusso e’ l’imminente scadenza della cassa integrazione straordinaria cui sono sottoposti oltre meta’ dei dipendenti Jabil di Marcianise; la cig scade il 10 novembre ma l’azienda non e’ stata ancora convocata dal Ministero. “Al momento il giudizio su quanto presentato dalla Jabil e’ sospeso – dice Mauro Musella, lavoratore nonche’ delegato Uilm – La priorita’ e’ prorogare la cassa integrazione fino a marzo per avere piu’ tempo per studiare le soluzioni presentate”. “L’azienda non cede sui licenziamenti- dice il segretario della Fiom-Cgil di Caserta Francesco Percuoco – ma deve fare maggiori garanzie sulle aziende in cui ricollocare i lavoratori in esubero”.