Jabil Marcianise, azienda annuncia 190 licenziamenti

I sindacati dei metalmeccanici hanno proclamato otto ore di sciopero

30

Dal 25 maggio la Jabil, multinazionale americana dell’elettronica, procederà al licenziamento collettivo di 190 dipendenti dello stabilimento di Marcianise, in provincia di Caserta. Lo rende noto la stessa azienda in un comunicato emesso al termine della riunione tenuta in video- conferenza con i sindacati. Un tavolo, l’ennesimo dall’inizio della vertenza nel giugno di 11 mesi fa, che non ha partorito novità positive per quei lavoratori del sito di Marcianise che non hanno voluto accettare la ricollocazione in altre aziende o l’esodo incentivato. Negli ultimi giorni, una trentina di dipendenti ha accettato in extremis di passare in altre realtà produttive, mentre dall’inizio della vertenza sono stati 160 gli addetti che hanno accettato di andarsene optando per uno dei due strumenti messi a disposizione in alternativa al licenziamento. I sindacati dei metalmeccanici hanno proclamato otto ore di sciopero tra ieri sera e oggi allo stabilimento di Marcianise, in risposta alla decisione dei vertici della multinazionale americana.