Infortuni sul lavoro, l’Inail: denunce in aumento rispetto al 2018

Le patologie del sistema osteo-muscolare e del tessuto connettivo, del sistema nervoso e dell'orecchio, continuano a rappresentare le prime tre malattie professionali denunciate

243

Le denunce di infortunio presentate all’Inail entro lo scorso mese di settembre sono state 468.698, 227 in più rispetto alle 468.471 dei primi nove mesi del 2018 (+0,05%).
A livello territoriale l’analisi evidenzia una diminuzione delle denunce di infortunio sul lavoro nel Nord-Ovest (-0,1%), nel Nord-Est (-0,5%) e al Sud (-0,6%), mentre nel Centro e nelle Isole l’aumento è stato pari, rispettivamente, all’1,3% e allo 0,7%. Il numero degli infortuni denunciati è diminuito dello 0,3% nella gestione industria e servizi, mentre e’ aumentato dello 0,2% in agricoltura e dell’1,6% nel conto Stato.

Il lieve aumento delle denunce è legato esclusivamente alla componente femminile, che registra un +0,4%. Per i lavoratori extracomunitari si registra un incremento degli infortuni denunciati pari al 4,4%, mentre le denunce dei lavoratori italiani sono in calo dello 0,5% e quelle dei comunitari dell’1,1%. Dall’analisi per classi di eta’ emergono aumenti tra gli under 30 (+2,5%) e tra i 50 e 69 anni (+1,8%). In diminuzione del 2,8% quelle dei lavoratori della fascia 30-49 anni, nella quale rientra oltre il 40% dei casi registrati.

Le denunce di infortunio sul lavoro con esito mortale sono state 780, 54 in meno rispetto alle 834 dei primi nove mesi del 2018 (-6,5%). Le denunce di malattia professionale protocollate dall’Inail nei primi nove mesi di quest’anno sono state 45.158
1.075 in più rispetto allo stesso periodo del 2018 (+2,4%).

Le patologie denunciate sono aumentate solo nella gestione industria e servizi (+4,2%), mentre sono diminuite in agricoltura(-3,7%) e nel conto Stato (-9,6%). A livello territoriale, l’aumento ha riguardato il Nord-Est (+0,9%), il Centro (+2,1%), il Sud (+2,9%) e le Isole (+11,4%). Il Nord-Ovest, invece, si distingue con un calo pari al 2,1%. Le patologie del sistema osteo-muscolare e del tessuto connettivo, del sistema nervoso e dell’orecchio, continuano a rappresentare le prime tre malattie professionali denunciate.