I sindacati: “Piaggio aumenta gli utili, ora ritocchi i salari verso l’alto”

260

“Ci fa piacere che l’utile netto del gruppo Piaggio nel 2019 sia aumentato di circa il 30% e che si prevedono investimenti negli stabilimenti italiani” ma “ci aspettiamo che di pari passo alla crescita aziendale aumentino anche i salari dei lavoratori di tutto il gruppo, si vada verso il superamento dell’utilizzo degli ammortizzatori sociali, si apra una fase di assunzioni e aumenti dei livelli occupazionali concreti”. Lo afferma in una nota il sindacalista Massimo Braccini, coordinatore nazionale Fiom gruppo Piaggio. “Erano tanti anni che alla Piaggio non si discuteva di salari – aggiunge Braccini -. Con il rinnovo del contratto aziendale di gruppo siamo riusciti a creare le condizioni per redistribuire parte della ricchezza che fa l’impresa”, quindi, prosegue “non ci accontentiamo pero’ solo degli anticipi mensili, (seppur importanti e che prevedono un aumento di 55 euro al mese) ma bisogna che vi sia anche un risultato positivo a conguaglio del premio di risultato e siano erogati ulteriori aumenti economici ai lavoratori”. “Con il rinnovo del contratto aziendale di gruppo abbiamo creato anche le premesse per favorire le assunzioni e tornare a discutere di occupazione – si evidenzia ancora nella stessa nota -, precisando che la Fiom Cgil non fara’ accordi di prossimita’ o deroghe in peggio alle leggi esistenti ed al contratto nazionale di lavoro. E’ nostro compito implementare i rapporti di lavoro a tempo indeterminato”. Infine “bisogna guardare al futuro con un chiaro obiettivo sindacale: la fabbrica non puo’ guardare solo all’indice dei profitti, ma e’ necessario che svolga anche una funzione sociale, crei posti di lavoro, incrementi lo sviluppo economico e sociale della zona, sia utile all’intera collettivita’”.