Dati Istat: migliora l’occupazione ma è in calo la qualità

223

Gli ultimi dati sull’occupazione sono positivi perché “nel 2018 siamo tornati al livello di occupati pre-crisi”. In Italia dobbiamo “cercare sempre più di valorizzare la quantità anche attraverso la qualità” del lavoro. Lo ha detto il presidente di Istat, Gian Carlo Blangiardo, che in un’intervista a il Sussidiario.net mette in evidenza i punti deboli del settore produttivo: “qualche volta non si fa rete, non c’è sufficiente apertura all’innovazione o la dimensione aziendale è troppo piccola”. “L’aumento dell’occupazione e la diminuzione del tasso di disoccupazione sono dati di fatto – ha spiegato Blangiardo che oggi parteciperà a un incontro al Meeting di Cl a Rimini -. C’è semmai da tener conto che oltre agli aspetti quantitativi contano quelli qualitativi: non basta l’aumento dell’occupazione, ma è importante che questa sia qualitativamente di buon livello. Quindi tutte le problematiche della precarietà, del part-time involontario o di sottoutilizzo di lavoratori con un’alta formazione sono ancora aperte e c’è da augurarsi che si possa ottenere qualche miglioramento”. Ci sono però degli “aspetti positivi” da non trascurare: “nel 2018 – ha aggiunto il presidente di Istat – siamo tornati al livello di occupati pre-crisi, cioè del 2008. All’interno di questo recupero, un ruolo particolarmente importante è stato quello dell’occupazione altamente qualificata nei settori dell’informazione e comunicazione, dei servizi alle imprese e dell’industria. Questo è un risultato confortante. Dobbiamo muoverci probabilmente in questa direzione e cercare sempre più di valorizzare la quantità anche attraverso la qualità”.

“E’ necessario che le famiglie, le coppie, siano messe in condizione di poter fare quei figli che oggi non fanno – ha detto Blangiardo al Sussidiario.net, prima di partecipare a un incontro al Meeting di Cl – C’è una minor fecondità, un rinvio, che molto spesso diventa rinuncia, nell’avere il secondo o il terzo figlio, anche per motivi di natura economica, legati alla struttura del mercato del lavoro, alla difficile conciliazione tra maternità e lavoro. C’è anche un contesto culturale che non sembra gratificare chi eroicamente decide magari di fare più figli”. Tutte queste cause, secondo il presidente di Istat “interagiscono e si sommano, producendo il risultato finale che poi osserviamo attraverso i dati statistici”.