Coronavirus, scioperi confermati oggi in Lombardia e Lazio. Ma l’accordo c’è

181

Passi avanti tra Governo e sindacati sulle attività da chiudere oltre quelle già previste dal decreto del 22 marzo per affrontare l’emergenza coronavirus. Dopo un incontro durato quasi quattro ore si è deciso di aggiornare la riunione alle 12 per cercare l’intesa conclusiva. È possibile che si vada verso la revoca degli scioperi decisi dai metalmeccanici per la Lombardia e il Lazio che però al momento restano confermati. Appello di Conte anche ai benzinai, che vorrebbero incrociare le braccia a partire da oggi. Gli scioperi sono in corso e riguardano tutta l’industria metalmeccanica i cui comparti non sono stati chiusi al di fuori delle attività legate a quella ospedaliera e sanitaria e alla produzione di macchine per questa attività. Il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, ha convocato una conference call con i presidenti delle associazioni di categoria dei distributori di carburanti.