Conad chiude gli uffici Auchan, licenziati 817 impiegati

279

L’acquisizione di Auchan da parte di Conad sembra diventare sempre più l’Ilva della Gdo italiana. Margherita distribuzione ha avviato la messa in mobilità di ben 817 lavoratori impiegati in tutte le strutture di sede. I tagli più drastici colpiscono il quartier generale di Rozzano, nel milanese, dove lavorano 456 impiegati che si aggiungono ai dirigenti per i quali da qualche tempo sono in corso le procedure di riduzione e messa in mobilità. Tutte le altri sedi periferiche sono colpite dai tagli con tutti gli uffici distaccati.

Il tutto avviene secondo il piano industriale di Margherita distribuzione, bad company che fa capo a Bdc Italia, società creata da Conad e da Wrm del finanziere Raffaele Mincione, da portare a termine entro il primo semestre 2020. Nella prima fase si interviene sul contenimento dei costi, incluso quello del lavoro, per poi recuperare marginalità e profitti con l’adozione del modello Conad, in particolare sul piano commerciale. Gli esuberi sarebbero oltre 6.100 ma 3mila addetti rientrenanno in Conad portando cosi, secondo il gruppo bolognese, il numero degli esuberi a 3.105 lavoratori.