Allarme Assaeroporti, 10.000 lavoratori rischiano il posto

44

“Nel solo mese di marzo, gli aeroporti italiani hanno perso oltre 11,5 milioni di passeggeri con una flessione del traffico che, da alcune settimane, si è assestata complessivamente ad un sostanziale -100%”, in pratica si è azzerato. E’ quanto afferma Assaeroporti in una nota. Il settore ha già messo in cassa integrazione oltre 10.000 lavoratori (il 95% dei dipendenti) e prevede un calo di fatturato di circa 1,6 miliardi di euro. L’associazione chiede per questo “misure immediate a sostegno della filiera aeroportuale”. Secondo le previsioni effettuate prima dell’emergenza sanitaria il traffico in Italia avrebbe dovuto raggiungere “alla fine del 2020 la quota di circa 200 milioni di passeggeri” e “le attuali stime invece – calcola Assaeroporti – dicono che l’anno in corso potrebbe chiudersi con una perdita di 120 milioni di unità rispetto alle previsioni”. Per i gestori aeroportuali si prevede una “contrazione del fatturato per il 2020 di circa 1,6 miliardi di euro”.