La sfida per le elezioni regionali in Campania si arricchisce di un altro candidato, dopo le primarie del M5S che la settimana scorsa hanno stabilito che per il Movimento sarà nuovamente candidata la consigliera regionale uscente Valeria Ciarambino.
La Rete nazionale di associazioni e movimenti civici che si riunisce sotto il simbolo di Civicrazia ha infatti diramato una nota ufficiale con la quale annuncia la discesa in campo di Giuseppe Fortunato, storico esponente del MSI e di Alleanza Nazionale, già consigliere comunale di Napoli per svariate legislature tra gli anni ’80 e ‘90, che oggi ricopre il prestigioso incarico di Difensore civico regionale proprio della Regione presieduta dal Governatore uscente De Luca, col quale, peraltro, proprio Fortunato ha più volte polemizzato sulla gestione di alcune vertenze regionali molto delicate, una su tutte la querelle tra il Presidente della Giunta regionale e i Navigator.
Fortunato scende in campo ufficialmente per sfidare De Luca dopo aver già da mesi palesato, attraverso interviste e dichiarazioni, l’intenzione di voler correre come candidato unitario del centrodestra, oltre che del Movimento Civicrazia che lo sostiene da sempre. Il centrodestra campano, però, continua ad essere insabbiato nelle paludi delle trattative e dei tatticismi romani dai quali, a conti fatti, al momento è venuto fuori soltanto il rafforzamento di De Luca, agevolato sicuramente dalla gestione pressoché perfetta della crisi per il Covid-19, ma messo in condizione nei fatti di non avere fin dall’inizio della crisi un candidato di bandiera serio e credibile in rappresentanza dell’opposizione in consiglio regionale praticamente divisa su tutto e nei fatti impalpabile nella azione politica di contrasto alla maggioranza di centrosinistra in questi anni. A questo, si aggiunga poi la bomba scoppiata la settimana scorsa in Forza Italia con l’imbarazzante situazione degli arresti dei fratelli del senatore Luigi Cesaro coinvolti in una maxi inchiesta della Magistratura.
Salvini Meloni e Taiani non hanno ancora stabilito il nome di chi sfiderà per la coalizione il Governatore uscente, fermi come sono sulle questioni riguardanti il rebus sulla candidatura di Stefano Caldoro, già sconfitto da De Luca cinque anni fa, che vorrebbe candidarsi ma che non è gradito ad ampie aree della coalizione. La partita ovviamente si gioca su più fronti: in ballo non c’è soltanto il nome della Campania – sul quale ormai gli appetiti delle forze politiche diminuiscono sempre di più visto il vento in poppa che accompagna De Luca nei sondaggi ormai stabilmente da mesi. La partita si gioca anche sulle candidature in Puglia, dove Fratelli d’Italia ha da tempo avanzato il nome di Raffaele Fitto, che parrebbe molto forte nelle rilevazioni delle intenzioni di voto.
A questo punto, non sarebbe stato meglio – viene lecito chiedersi – appoggiare fin dal primo momento la candidatura di prestigio e di rilevanza politica indubbia proprio del Difensore civico Giuseppe Fortunato, per la sua provenienza – negli anni ’90 il Difensore civico della Regione Campania fu stretto collaboratore di Pinuccio Tatarella come consigliere giuridico di Palazzo Chigi durante il primo Governo Berlusconi – ma anche perché è uno di quelli che nello svolgimento del suo ruolo di avvocato dei cittadini campani ha sempre affrontato a muso duro il Governatore in carica, che lo ha osteggiato fin dal primo momento del suo insediamento mettendo finanche in discussione il suo curriculum vitae e la sua nomina a Difensore civico regionale? Vedremo cosa deciderà il centrodestra campano alla luce dell’annuncio ormai ufficiale di Fortunato candidato presidente col sostegno di Civicrazia.
Intanto La Rete delle associazioni civiche è già al lavoro per la costruzione di liste a sostegno del candidato presidente, forte del fatto che “l’alternativa c’è ed è nei fatti, potendo vantare una radicata storia e la più alta espressione della Società civile sia delle oltre quattromila associazioni che sostengono la candidatura dell’avvocato Giuseppe Fortunato, sia ovviamente del valore del candidato che ha dimostrato – si legge nella nota – competenza sul campo e di aver ottenuto la fiducia da parte delle molteplici categorie di cittadini lavoratori e di esponenti del sociale (ricordiamo le battaglie fatte in favore dei talassemici, dei diabetici, degli autistici; le vertenze dei lavoratori di Almaviva, dei Navigator, dei precari; le battaglie in favore dei lavoratori del mercato ortofrutticolo di Aversa e la campagna per la chiusura delle sedi a rischio contagio per il Covid-19 per i lavoratori dei call center) per le quali ha sostenuto le relative vertenze in questi anni”.
Civicrazia ha diffuso un documento politico nazionale a sostegno della candidatura di Giuseppe Fortunato approvato all’unanimità da tutti i rappresentanti delle associazioni che compongono la Rete civica nazionale.
#ElezioniRegionalilCampania2020
#VincenzoDeLuca
#ValeriaCiarambino
#FortunatoPresidente
#Difensorecivicocampano
#Civicrazia