Università, il Governo prevede 1600 posti di ricercatori

248

«Quando si parte da zero dire che 1.600 posti sono insufficienti mi sembra un po’ eccessivo». Lo ha detto Gaetano Manfredi, ministro dell’Università e ricerca, commentando le posizioni di Flc-Cgil secondo cui il piano di assunzione di 1600 ricercatori sarebbe insufficiente. «Faremo un piano straordinario, in cinque anni – ha fatto sapere – con l’idea di assumere 2000 ricercatori all’anno nelle università e negli enti pubblici di ricerca, ma questo dev’essere fatto in maniera progressiva perché dobbiamo selezionare i ragazzi più bravi». «Dobbiamo ricordarci che la qualità della didattica e della ricerca vengono fatte dalla qualità dei docenti – ha aggiunto – quindi dobbiamo fare selezioni rigorose e assumere persone che meritano». «Solo in questa maniera tuteliamo gli studenti, le famiglie che investono e le imprese che si aspettano laureati di qualità – ha concluso – quindi faremo un piano pluriennale, ma tenendo sempre al centro il merito e facendo in modo che la selezione sia rigorosa perché siamo un grande Paese che deve competere con il meglio del mondo».