Scuole e Covid, i presidi: “Controlli impossibili”

111

“Non sono le sanzioni che ci spaventano, quanto piuttosto l’impossibilita’ di svolgere questi controlli se non verranno date indicazioni ulteriori”. Lo ha detto il presidente dell’Associazione nazionale presidi, Antonello Giannelli, su Rainews24, a proposito dello svolgimento dei controlli del green pass nella scuole alla riapertura di settembre. “Mi spiego meglio – ha proseguito Gianelli – al momento l’unica possibilita’ sembra essere il controllo giornaliero su tutti i dipendenti che entrano a Scuola, un po’ come funziona al ristorante. Quali sono i problemi? Intanto, la stragrande maggioranza del personale scolastico e’ vaccinata – i 200mila non vaccinati? Secondo me non e’ un dato attendibile e a giorni dovrebbe arrivare il dato ufficiale dalle Regioni a Figliuolo – e stiamo viaggiando comunque su percentuali dell’85-90% che potrebbero salire addirittura. Significa che su 100 persone da controllare, 90-95 sono gia’ vaccinate. E questo e’ molto inefficiente”. “Seconda questione – ha osservato – le scuole spesso hanno molte sedi, quelle con una sola sede sono pochissime. Questo vuol dire mettere in quelle sedi delle persone per effettuare i controlli e non solo alla prima ora perche’ c’e’ chi entra anche alla seconda ora… Da un punto di vista organizzativo e utilizzo delle risorse umane e’ qualcosa di molto impegnativo. Avevamo chiesto, e c’e’ la disponibilita’ del ministero dell’Istruzione e per questo lo ringraziamo, la possibilita’ di un impiegato in segreteria in piu’ ma questo va bene se si possono fare i controlli online e cioe’ con l’accesso alle banche dati della salute. Se non sara’ reso possibile in tempi molto brevi, effettivamente io vedo numerosi problemi organizzativi” ha sostenuto Giannelli.