Scuola, Cgil: rischio 80mila cattedre vuote, subito immissioni

220

“Il ministro Marco Bussetti ha annunciato di aver richiesto l’autorizzazione per l’immissione in ruolo di 58.627 docenti, di cui 14.552 di sostegno. Ovviamente si tratta di una notizia positiva perche’ risponde alle esigenze lavorative di decine di migliaia di lavoratori e lavoratrici ed e’ inoltre presupposto per fornire alla Scuolarisorse nuove a garanzia della continuita’ dell’insegnamento e quindi della qualita’ del lavoro, anche se cio’ non bastera’ a colmare il numero di cattedre lasciate vuote a settembre 2019, che, anche per effetto di Quota 100, saranno circa 80.000, senza contare i 60.000 posti in organico di fatto in deroga”. Ad affermarlo e’ la Flc Cgil. “Questa prospettiva rende ancora piu’ urgente il varo normativo della fase transitoria definita con l’Intesa dell’11 giugno la cui attuazione e’ gia’ in grave ritardo”, prosegue il sindacato.

“La stessa urgenza la chiediamo per l’attuazione della fase transitoria per gli assistenti amministrativi cha hanno svolto incarichi da DSGA negli ultimi anni e per i quali abbiamo gia’ presentato una richiesta precisa all’Ufficio di Gabinetto del Ministro e il piano di assunzioni del personale ATA di cui ancora non si ha ancora alcuna notizia”, conclude la Federazione dei lavoratori della conoscenza della Cgil.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here