Scuola, mancano i docenti: oltre 120mila cattedre scoperte

Secondo le stime CGIL, quest'anno ci sarà una supplenza ogni sette "titolari"

227

La scuola italiana ha sempre meno docenti. Per l’anno scolastico 2019-2020, già partito in alcune regioni e pronto all’avvio in altre, si contano oltre 120mila cattedre scoperte. Questo avviene in un paese che dal 2015 a oggi ha assunto a tempo indeterminato circa 180mila docenti con la promessa di sconfiggere la “supplentite”. Ma tale “malattia” ogni fine estate si ripresenta, con l’inizio dell’anno scolastico alle porte.  Complice il turn-over rafforzato dovuto a quota 100, che ha prodotto l’uscita di 33mila docenti dalle scuole, al termine delle assegnazioni provvisorie (trasferimenti per rimanere vicino casa), ci saranno per tutto l’anno scolastico almeno 122mila supplenze, in media una ogni sette cattedre. A dirlo è la Federazione lavoratori della conoscenza della CGIL. Ma alcune stime sindacali arrivano a 170-200mila.