Nuovi docenti, i sindacati chiedono aiuto ai vescovi

239

Un incontro per chiedere alla Cei (Conferenza Episcopale Italiana) di adoperarsi presso il ministero dell’Istruzione per ottenere soluzioni per gli insegnanti di religione cattolica, in particolare per lo scorrimento delle graduatorie dell’ultimo concorso, fino all’assunzione di vincitori e idonei al 1° settembre 2020, per una ricognizione degli insegnanti di religione cattolica per capire il reale fabbisogno e bandire un concorso straordinario riservato e non selettivo. Stamattina hanno preso parte all’appuntamento il presidente nazionale di Anief, Marcello Pacifico, il suo delegato Alessandro Manfridi, Stefano Santonico e don Daniele Saottini, responsabile nazionale Cei dell’ufficio degli insegnanti di religione cattolica. Attraverso gli emendamenti al decreto salva precari, consegnati ai parlamentari delle Commissioni Cultura e Lavoro durante l’audizione prima tenuta alla Camera e poi ribadita al Senato, Anief aveva espressamente chiesto di riservare “il 50%” dei posti vacanti, che oggi sono piu’ di 10 mila, “a un concorso straordinario”. Una richiesta disattesa. I docenti di religione in possesso di tre anni di servizio utili e che intendono ancora rivendicare l’indizione di un concorso riservato 2019, possono pre-aderire al ricorso patrocinato da Anief.