Le 20 università che sfornano ricconi: solo tre europee tra le prime 20

Domina la classifica Harvard, con oltre 13.650 ex studenti Paperoni che hanno ricchezze stimate complessive per  4.769 miliardi di dollari

212

Costano tanto, ma in prospettiva fanno guadagnare anche tanto. Stiamo parlando delle università della Ivy League, stando alla classifica redatta da Wealth-X e pubblicata da wallstreetitalia.com. Si tratta dei venti atenei che sfornano le persone più ricche al mondo, classifica che è ampiamente dominata dagli Stati Uniti. Solo tre delle venti Università passate al vaglio hanno il passaporto europeo: si tratta delle inglesi Oxford e Cambridge e della francese Insead. Il parametro utilizzato è sullo degli Ultra High Net Worth, ovvero i super-ricchi on un patrimonio stimato – al netto della casa di residenza – superiore ai 30 milioni di dollari.

Secondo il report, le 20 università che hanno sfornato il maggior numero di persone facoltose ne vantano almeno 2 mila ciascuna, ma ai piani alti i numero sono nettamente superiori. Domina la classifica Harvard, con oltre 13.650 ex studenti Paperoni che hanno ricchezze stimate complessive per  4.769 miliardi di dollari, più del doppio rispetto a Stanford (dove si sono formati Larry Page e Sergey Brin, i due fondatori di Google) e l’Università della Pennsylvania (frequentata da Warren Buffett e Elon Musk), rispettivamente al secondo e terzo posto nella classifica mondiale e nazionale.

Si calcola che meno del 5% degli studenti dei college migliori provengano da famiglie che stanno nel 20% di famiglie che ha reddito più basso. Si tratta in pratica un club ristretto: 14 studenti su 100 vengono dall’1% delle famiglie con i redditi più alti. D’altra parte, pagare 70 mila dollari l’anno per Harvard non è alla portata di tutti.