Istruzione, cresce il divario tra le scuole italiane e quelle estere

255

Aumenta il divario tra il livello di istruzione di italiani e stranieri: il divario nei livelli di istruzione e’ molto ampio guardando la cittadinanza delle persone. Lo certifica l’Istituto nazionale di Statistica nel report sui livelli di istruzione diffuso oggi. Tra gli stranieri solo il 47,9% ha conseguito almeno il diploma di scuola secondaria superiore (o equivalente) e soltanto il 12,4% possiede un titolo terziario, a fronte del 63,3% e del 20,1% registrato tra gli italiani. Il gap di cittadinanza e’ grande anche in Europa, soprattutto in Francia e Germania. Fanno eccezione il Regno Unito, dove il livello di istruzione degli stranieri e’ superiore a quello dei cittadini inglesi, e la Spagna, che presenta quote di cittadini almeno diplomati piuttosto simili tra stranieri e locali. A differenza di quanto accaduto in altri paesi europei, in Italia questo divario e’ cresciuto nel tempo. Restringendo l’osservazione all’ultimo quadriennio, la quota di coloro con almeno il titolo secondario superiore si e’ molto ridotta tra gli stranieri(-5,3 punti; +0,7 punti nella media Ue) e al tempo stesso e’ aumentata di poco la quota di chi ha un titolo terziario (+0,9 punti; +2,2 punti nella media Ue).