Appalti pulizie nelle scuole, il 21 gennaio è sciopero nazionale

354

“Il 21 gennaio abbiamo proclamato sciopero di tutti i lavoratori degli appalti pulizie scuole statali per l’intera giornata con presidio a Roma in Piazza Montecitorio a partire dalle 9,30”. A dichiararlo il Segretario generale, Claudio Tarlazzi, e il Segretario nazionale, Marco Verzari, della Uiltrasporti, che proseguono: “Nonostante il tempo stringa, ancora attendiamo azioni concrete che mettano in salvo tutti i 16.000 lavoratori che attualmente sono occupati nelle societa’ in appalto che finora hanno svolto il servizio pulizia nelle scuole che a breve sara’ internalizzato dallo Stato. Il termine di presentazione delle domande on-line dei lavoratori per l’immissione in ruolo e’ scaduto- spiegano i due sindacalisti- ma ancora non e’ stato reso noto ne’ il numero delle richieste ne’ quanti fra queste sono risultate idonee per l’assunzione full time o part time”. “I posti a disposizione sono solo circa 11.200, che potrebbero aumentare, come previsto dal Decreto Scuola, se parte delle assunzioni prevederanno contratti part time, con conseguenze disastrose sul reddito dei lavoratori interessati per l’orario di lavoro dimezzato. Per tutti coloro che invece resteranno tagliati fuori da questo meccanismo, che prevediamo nell’ordine di qualche migliaio, al momento l’unica prospettiva e’ quella di restare disoccupati. Questo e’ inaccettabile e profondamente lesivo della dignita’ di tutti coloro che finora hanno garantito l’igiene e il decoro delle scuole. Il 23 gennaio le procedure di licenziamento collettivo avviate dalle imprese appaltatrici a seguito del Decreto di internalizzazione- concludono Tarlazzi e Verzari- rischiano di diventare effettive. E’ urgentissimo attivare un Tavolo interministeriale, con Governo, Miur, Ministero del Lavoro e Sindacati come richiesto in una lettera ufficiale anche da Cgil Cisl Uil, per soluzioni concrete che garantiscano occupazione e reddito a tutti. Non ci fermeremo finche’ non ci saranno risposte soddisfacenti per tutti”.