Incubo ranitidina cancerogena, ritirati altri lotti per controlli

294

E’ in via precauzionale che le Agenzie regolatorie, tramite EMA, hanno chiesto controlli su tutti i farmaci prodotti per sintesi chimica. Lo spiega l’Agenzia del Farmaco all’indomani del ritiro di numerosi farmaci contenenti ranitidina e della nota Ema che chiedeva in via precauzionale ai titolari di autorizzazioni all’immissione in commercio di medicinali per uso umano contenenti sostanze attive sintetizzate chimicamente di riesaminare i loro medicinali per la possibile presenza di nitrosammine. “In via precauzionale – chiarisce Aifa in una nota – la rete regolatoria europea, tramite l’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA), ha preso la decisione di condurre un’operazione di routine per testare tutti i farmaci che potrebbero contenere nitrosammine, sostanze normalmente presenti anche in natura ma che nei farmaci non devono esserci. La valutazione della possibile presenza di questa impurità dovrà concludersi entro i prossimi 6 mesi. Anche se non ci si attende che le nitrosammine si formino durante il processo di fabbricazione della maggior parte dei medicinali a base di principi attivi prodotti per sintesi chimica, tale misura precauzionale è fondamentale per garantire farmaci sicuri. La qualità e la sicurezza dei medicinali costituiscono gli elementi prioritari del sistema regolatorio a tutela della salute di tutti”.