Tari, in arrivo i ritocchi per il 2020: in 5 anni tassa aumentata dell’1,6%

300

In arrivo i ritocchi sulla Tari. I comuni sono chiamati a fissare le nuove tariffe con le vecchie regole entro il 30 aprile. Dal 2020 sarebbe dovuto scattare il nuovo meccanismo che si basa sul principio Ue «chi più inquina più paga» ma con il decreto legge fiscale, approvato lo scorso dicembre, è stata concessa una proroga (un’altra) che consentirà agli enti locali di fissare ancora una volta la tassa in base a criterio medio-ordinario.

Secondo uno studio Servizio politiche territoriali della Uil negli ultimi 5 anni si è registrato un incremento della tassa sui rifiuti dell’1,6%, di cui oltre la metà è stato registrato nell’ultimo anno (+0,9%). In media la gabella è arrivata a 302 euro, con forti differenze tra i comuni: a Trapani con 550 euro medi l’anno a famiglia e Potenza con 133,38 euro.