Salario minimo, Catalfo: “Siamo vicini ad accordo condiviso”

Così in una nota il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali al termine dell'incontro con le forze di Maggioranza

221

“Anche oggi al tavolo il confronto tra le forze di maggioranza e’ stato proficuo e positivo. Sul salario minimo siamo vicini ad un accordo, ci sara’ un nuovo incontro giovedi’:
l’orientamento e’ quello di confermare quanto gia’ prospettato nella mia proposta originaria, dando validita’ erga omnes alla parte salariale dei contratti collettivi nazionali di lavoro maggiormente rappresentativi e al contempo definendo un parametro certo e oggettivo sotto al quale la paga oraria minima non potra’ scendere. Sempre a questo proposito, su mio input la maggioranza ha anche ragionato sull’ipotesi, da portare all’attenzione del Mef, di introdurre una forma di detassazione dell’incremento di salario determinato dal rinnovo dei CCNL”. Cosi’ in una nota il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Nunzia Catalfo, al termine dell’incontro che si e’ svolto quest’oggi al Ministero.

“Sul capitolo pensioni – prosegue Catalfo – abbiamo ragionato sul dare vita ad un percorso condiviso e organico che tenga insieme la pensione di garanzia per giovani e lavoratori discontinui, la flessibilita’ in uscita e la difesa del potere d’acquisto dei pensionati, oltreche’ strumenti di incentivazione della previdenza complementare. Fra gli altri temi affrontati ci sono stati la non autosufficienza, tutela del lavoro autonomo e disciplina dell’equo compenso per la quale si partira’ dalla mozione di maggioranza gia’ approvata alla Camera e dai ddl depositati dai parlamentari. Oggetto del tavolo sono stati anche occupazione, formazione, riforma degli ammortizzatori sociali e creazione dell’osservatorio del mercato del lavoro. e’ lungo questa strada che dobbiamo continuare”, conclude Catalfo.