Poste: nessun aumento dei prezzi per i servizi di notifica degli atti giudiziari

258

Poste Italiane “opera legittimamente sul mercato delle notificazioni a mezzo posta degli atti giudiziari e delle multe stradali in quanto, in qualità di fornitore del servizio universale, possiede tutti i requisiti in grado di soddisfare le necessarie esigenze di ordine pubblico e sicurezza”. E’ quanto precisa l’azienda sottolineando “con fermezza che non c’è stato alcun aumento delle tariffe per i servizi di notificazione a mezzo posta”. In relazione alla segnalazione dell’Antitrust sul processo di liberalizzazione dei servizi di notificazione a mezzo posta degli atti giudiziari e di violazioni del codice della strada, Poste Italiane spiega che è concessionaria per legge del servizio postale universale, nel cui alveo ricade a tutti gli effetti la notifica a mezzo posta degli atti giudiziari, e che, fino all’approvazione della legge annuale sulla concorrenza, i servizi oggetto della segnalazione erano riservati, ovvero garantiti esclusivamente da Poste Italiane (a differenza di quelli non riservati, forniti anche dagli oltre 3000 operatori postali alternativi). “Con l’abrogazione della riserva a favore di Poste – prosegue – le notificazioni possono essere fornite anche da altri operatori, ma restano senza dubbio alcuno nell’ambito del servizio universale e dunque Poste Italiane è titolata e obbligata a proseguire l’attività senza necessità di conseguire una licenza speciale, necessaria invece per i nuovi operatori alternativi. D’altro canto, una diversa interpretazione delle norme porterebbe alla paradossale conclusione, che Poste, titolare degli obblighi del servizio universale, avrebbe dovuto sospendere l’attività di notifica nelle more della definizione del quadro regolamentare di riferimento, generando innegabili quanto gravi ripercussioni sul funzionamento del sistema giudiziario italiano”. L’azienda aggiunge che, indipendentemente dagli obblighi di formazione, indicati nella delibera dell’Autorità per i nuovi operatori alternativi, titolari di licenza speciale, eroga ogni anno oltre 4 milioni di ore di formazione per tutti i dipendenti con corsi specifici per ciascuna attività per assicurare efficienza verso i cittadini e rispetto dei parametri della qualità del servizio, che sono andati, nell’ultimo anno, per le notifiche, ben oltre gli obiettivi di qualità fissati dal regolatore. Poste ribadisce che “non è vi è stato alcun aumento delle tariffe dei servizi di notificazioni a mezzo posta, circostanza confermata dalla delibera di luglio. Da giugno scorso sono intervenute variazioni esclusivamente per le modalità di addebito delle cosiddette comunicazioni connesse che riguardano solo i grandi clienti che hanno con Poste specifici contratti di fornitura e non per i cittadini né per coloro che effettuano notifiche attraverso gli sportelli degli uffici postali. La nuova modalità di pagamento passa da tariffe, come detto per le sole comunicazioni connesse, di 5,40 euro e di 6,50 euro, a un unico importo minore e forfettario, di 2,70 euro. Questa variazione al ribasso si è resa necessaria per far fronte alle modifiche introdotte dalla legge di bilancio 2018 che, trasformando lo svolgimento dell’attività di notifica da fisico a digitale, impongono di conseguenza processi e tariffe differenti”.