Porto Marghera, approvato quadro interventi: spesa da 102 milioni

La giunta regionale del Veneto ha firmato oggi, su proposta dell'assessore regionale allo sviluppo economico ed energia Roberto Marcato, lo schema di accordo di programma

243

La giunta regionale del Veneto ha approvato oggi, su proposta dell’assessore regionale allo sviluppo economico ed energia Roberto Marcato, lo schema di accordo di programma “Per la realizzazione degli interventi di messa in sicurezza del sito di interesse nazionale di Venezia – Porto Marghera” che verra’ sottoscritto da Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Regione del Veneto e Autorita’ di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale. “E’ un provvedimento fondamentale che permette un grande passo in avanti – spiega l’assessore regionale Roberto Marcato – grazie alle opere previste dall’accordo di programma renderemo Porto Marghera ecologicamente attrezzata, dotandola di tutti i presidi ambientali necessari al suo recupero e mantenendo le attivita’ produttive che vi operano. L’area continuera’ a svolgere la sua funzione di zona produttiva, ma nel rispetto dell’ambiente”. “Con questi interventi sui marginamenti la Regione completera’ la parte di sua competenza, – precisa – dimostrando, come sempre, di avere il massimo impegno per garantire il futuro di Porto Marghera. Aspettiamo i finanziamenti dal Governo, fondamentale per completare l’intera messa in sicurezza”.

Nello specifico, gli interventi di competenza regionale riguardano, nella Macroisola “Fusina”, i tratti di marginamento antistanti le societa’ Alcoa ed Enel lungo la sponda sud del canale Industriale Sud e, nella Macroisola “Nuovo Petrolchimico”, il tratto antistante la Darsena della Rana, lungo la sponda sud del Canale Industriale Ovest in corrispondenza dell’attraversamento in subalveo dei sottoservizi di societa’ insediate nella’area. “I progetti dei marginamenti di competenza della Regione sono in corso di approvazione e le opere si concluderanno entro il 2023 – sottolinea ancora Marcato – quindi, nell’arco di tre anni, potremo arrivare alla quasi completa messa in sicurezza dell’area di Porto Marghera che, concluse le opere, sara’ dotata di quanto necessario per utilizzare al meglio il territorio, bloccando le fonti di inquinamento e garantendo le attivita’ produttive oggi presenti”. Le risorse disponibili per il finanziamento degli interventi oggetto dell’Accordo sono pari complessivamente a 102,2 mln di euro, tutti stanziati dal Ministero dell’Ambiente. “Questo e’ un grande passo in avanti – conclude l’assessore Marcato – cio’ non significa che l’accordo limiti il nostro impegno per il futuro dell’area. Continueremo a chiedere al Ministero le risorse che mancano per completare tutti i progetti di riqualificazione del sito di Porto Marghera di competenza del Provveditorato alle Opere Pubbliche”.