Pensioni, presidente Inps: “Ecco la ricetta per uscire da Quota 100”

288

Dopo Quota 100 un sistema pensionistico basato sulla gravosità dei lavori “superando le età di pensionamento uguali per tutti”. E’ il presidente dell’Inps Pasquale Tridico, in una intervista al ‘Messaggero’ a indicare la via di una uscita anticipata flessibile per le pensioni del futuro. “Si potrebbe pensare – spiega – ad un sistema di coefficienti che tengano conto appunto della gravosità del lavoro. Sarebbe un modo per prevedere un’età di uscita dal lavoro per ogni categoria, in maniera flessibile. Il minatore avrà un indice di gravosità più alto e quindi potrà uscire prima. Certo ci dovrà essere un’età minima, la stabilirà il legislatore”. Tridico sottolinea che “quota 100 è stata una misura sperimentale. Abolirla, dopo solo un anno, sarebbe stato inopportuno, con la frustrazione di legittime aspettative”. “Allo scadere naturale – afferma – si può pensare a una revisione complessiva del sistema che abbia l’ambizione di essere strutturale, fermo restando che Quota 100 in sé costituisce già uno scivolo temporaneo per ammorbidire lo scalone per molti che non sono coinvolti dalle altre forme di anticipazione, dopo la riforma del 2011”.